fbpx
Recapiti: rifugio@monteargento.org - Tel: 3349917740

Gatti: lezioni di coccole

In Giappone si sono inventati i Neko Café (sale da té piene di mici, dove è possibile prendere un caffé elargendo carezze e grattini ai padroni-gatti di casa), ma anche non lontano da Torino, prima (e al momento unica) sede italiana di un cat-bar, le coccole sono protagoniste per una pet therapy a due binari che fa bene a chi fa e riceve tenerezze. Siamo a Monza, precisamente al rifugio di via Sardegna gestito dall’associazione Gattolandia Onlus per la tutela del Gatto, dove è operativo il “Progetto Coccole”.

Di cosa si tratta? In sostanza, il secondo e il quarto giovedì del mese, le porte del rifugio si aprono per delle vere e proprie lezioni di coccole e grattini. L’obiettivo dell’associazione è quello di favorire la socializzazione dei mici con un passato”difficile”, in modo da farli abituare alla presenza dell’uomo e facilitarne l’adozione. “A volte arrivano al nostro rifugio gatti provenienti da situazioni estremamente difficili, come animali impallinati o con gravi malattie, come la piccola Neve che aveva un tumore alle orecchie – spiega Manuela, una delle storiche volontarie dell’associazione -. A questi mici abbiamo dedicato una zona specifica della struttura, che abbiamo chiamato il Recinto Musino, che ospita gatti da un anno in avanti”.

Il “Progetto Coccole” è nato due anni fa e ha permesso a cinque ospiti del rifugio di iniziare una nuova vita. “Come associazione siamo organizzati in modo da coprire tutti i turni ma ci siamo resi conto che le necessità pratiche (pulizia cucce e lettiere, distribuzione pappe e controlli sanitari), ci impedivano di dare un adeguato tempo alle coccole – aggiunge Manuela -. Inoltre i mici interagivano inevitabilmente sempre con le stesse persone”. Così è nata l’idea del “Progetto Coccole”. L’inizitiva è aperta a tutti (anche i più piccoli, purché accompagnati dai genitori), basta prenotarsi all’indirizzo progetto.coccole@gattolandia.org, per un massimo di dieci persone a serata (dalle 20 alle 22). 

Le due ore di coccole serali, sono costantemente monitorate dai volontari dell’associazione che portano giochi e leccornie per favorire l’apertura di un canale di comunicazione con i mici e raccontano la storia dei gatti ospitati nel recinto. “L’approccio comincia con giochi e cibo dato dalle mani – sottolineano dall’associazione – poi si passa a prendere il braccio i gatti, fino all’ultimo step: metterli nel trasportino senza suscitare in loro paura”.

Il distacco dai primi mici, spiega Manuela, “è stato difficile” perché i volontari temevano da un lato l’allontamanento dall’ambiente noto del rifugio (“Temevamo che si fossero aperti perché circondati da certezze”), dall’altro l’approdo a una vita “casalinga” oltre che l’effetto del distacco sugli altri gatti del recinto, che perdevano i “mici più socializzati”. “In realtà, è andato tutto bene”, dice Manuela parlando delle storie dei gatti adottati dopo il “Progetto Coccole” (da Arsenio a Citroen). Ora l’obiettivo è andare avanti: “Vorremmo che il progetto fosse attivo una volta a settimana perché è un’occasione per aumentare il benessere emotivo dei mici, ma per farlo ci servono più volontari”, dice Manuela. Insomma, potere alle coccole.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Canile Rifugio Monte Argento di Terni ONLUS

Via Monte Argento, 40 - 05100 Terni

Codice Fiscale 91064550550

APERTURA AL PUBBLICO: TUTTI I GIORNI dalle 17,00 alle 19,00 circa (escluse Festività).

Recapiti: rifugio@monteargento.org - Tel: 3349917740 (anche Whatsapp)

Copyright 2017 © Tutti i diritti riservati.

Struttura convenzionata con il Comune di Terni